MONITORAGGIO

Il contenuto sembra non essere al momento disponibile.

Riprova più tardi.

Dati di monitoraggio

Dati di monitoraggio

Il monitoraggio mediante ovitrappole, è un metodo indiretto di sorveglianza in grado di ottenere informazioni sullo sviluppo della popolazione di adulti. Attraverso la rilevazione del numero di uova deposte in contenitori attrattivi per le femmine gravide, è infatti possibile stimare il livello di infestazione da zanzara tigre per ogni ambito provinciale e per i centri urbani a maggiore estensione.

Mappe comunali

Mappe comunali

Da questa sezione è possibile visualizzare le mappe mensili di distribuzione di Zanzara Tigre per i 10 capoluoghi monitorati

Informazioni tecniche sul monitoraggio con ovitrappole

Informazioni tecniche sul monitoraggio con ovitrappole

Questo metodo indiretto di sorveglianza consente di ottenere informazioni al passo con lo sviluppo della popolazione di adulti a partire dalla presenza iniziale, seguendone l’incremento e l’espansione, fino all’ultima generazione sulla base del numero di uova “raccolte” in semplici contenitori attrattivi nei confronti delle femmine gravide

Controllo di qualità del monitoraggio tramite ovitrappole

Controllo di qualità del monitoraggio tramite ovitrappole

Il monitoraggio con ovitrappole presenta diversi vantaggi tra cui una buona sensibilità e il basso costo sia del materiale d’uso che della gestione. Il punto critico è però la gestione in campo che, seppur caratterizzata da una certa semplicità che permette l’impiego anche di personale non specializzato, può essere profondamente influenzata da alcuni fattori.

Soglia di rischio epidemico

Soglia di rischio epidemico

Le soglie di rischio epidemico, basate sulla densità di uova di Aedes albopictus, sono state definite attraverso una formula che tiene conto dei diversi fattori legati al vettore (capacità vettoriale, tasso di riproduzione, grado di antropofilia, longevità) e al patogeno (livello di viremia, periodo di incubazione nel vettore), che influenzano il tasso di crescita della malattia R0 (numero di casi secondari che si originano dal caso primario).